Seleziona una pagina

La gelosia è un elemento presente in tutti i rapporti di coppia, fa parte della paura di perdere la persona che si ama, e in una “giusta quantità”, fa capire all’altro che si tiene alla sua presenza nella nostra vita.

Ma cosa succede nei rapporti di dipendenza affettiva?

Il sentimento della gelosia si gonfia, diventa qualcosa che realmente può fare del male, e non parlo solo di situazioni estreme (violenze, omicidi, e situazioni che sentiamo e leggiamo molto spesso ultimamente), ma anche di quello che accade all’interno, in una persona che soffre di bassa stima e di insicurezze personali.

La testa si imbarca in pensieri molto negativi: tradimenti, idee su cosa non vada bene di sé, di cosa gli altri/ le altre abbiano in più di noi…:

“Se solo fossi…(più bello, più simpatico, avessi più successo, più soldi, etc..)”

“Se solo fossi come…(persone che vediamo dall’esterno e iper-valutiamo di solito)”

Pensieri su ciò che sentiamo che manchi in noi, non fanno altro che attirare altri pensieri di mancanza ed aggiungere alla sofferenza altra sofferenza.

Si escogitano dei veri e propri “piani” affinchè si possa risultare più gradevoli e migliori agli occhi dell’altra persona; come poterlo/la far sorridere oggi?

Faccio una domanda molto importante: “Quanto tempo nelle nostre giornate stiamo dedicando a far felice un’altra persona e quanto ne stiamo dedicando alla nostra felicità?”

Provate a pensare se quel tempo dedicato all’altro fosse rivolto alla propria vita, alla propria cura fisica, emotiva, spirituale, al raggiungimento dei propri obiettivi.

Che ve ne pare?

Molti potrebbero avere una grande paura legata a lasciare andare il controllo.

“E se poi lui /lei trova qualcuna/no che si occupi di lui /lei come facevo io ?”

Pericolo da correre. Domandatevi: “Preferisco perdere l’altro o perdere me stesso?

La posta in gioco è davvero alta!!!

Mettere la propria vita nelle mani di altre persone non è positivo, la nostra vita appartiene solo a noi ed è nostra responsabilità farci felici , giorno per giorno, darsi la giusta importanza.

Conoscerci poco per volta, capire cosa piace, in cosa si ha del talento, come ci si possa rendere utili nelle giornate grazie alle nostre capacità.

Lavoriamo per costruire la nostra autostima e la bella persona che siamo; lasciamo andare i paragoni perché sono inutili: Ogni persona ha le sue sfide nella vita e non tutti stanno a raccontare cosa provano davvero, ricordiamo che non possiamo mai sapere come si sentono gli altri, vediamo solo il loro aspetto, per cui occupiamoci solo di essere ogni giorno migliori rispetto a come eravamo ieri.

Conta solo questo: migliorarsi un passo alla volta e imparare a volerci bene, accettare i nostri difetti ma anche riconoscere ed accogliere i nostri aspetti positivi.

Non sarà sempre semplice portare l’attenzione su di sé, consideriamola la sfida della giornata, e quando la testa cercherà di riportarvi ai vecchi schemi non dimenticatevi :

“Ci sono io, la persona che mi starà accanto per tutta la vita”.

Siete importanti, non scordatelo mai.